Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

Monitoraggio dei debiti commerciali e allineamento PCC

In seguito all’approvazione della legge di bilancio 2019 i commi 858 – 872 hanno introdotto penalizzazioni per gli enti che non rispettano i termini di pagamento delle transazioni commerciali, non riducono il debito pregresso, non alimentano correttamente la Piattaforma per i crediti commerciali (PCC).

In particolare, i Comuni inadempienti, dal 2020 e con riferimento alla situazione rilevata dalla PCC, dovranno accantonare nella parte corrente del proprio bilancio una quota, crescente all’aumentare dell’entità della violazione, delle risorse stanziate per l’acquisto di beni e servizi.

UPEL, pertanto, ha deciso di supportare i Comuni in questo adempimento.

Il servizio offerto, dopo una prima analisi delle situazioni delle fatture presenti in PCC e nel programma di contabilità dell’Ente, prevede l’allineamento delle due banche dati, organizzato in due fasi:

  1.  La prima Fase prevede una bonifica “massiva” inviando flussi relativi ai pagamenti ove mancanti e la lavorazione degli esiti della procedura stessa;
  2. La seconda fase prevede invece la modifica “manuale” e puntuale di ogni fattura per arrivare al completo allineamento della contabilità e della piattaforma PCC.

MODALITA’ DI SVOLGIMENTO

Il servizio verrà svolto principalmente in modalità remota.

Per garantire adeguati livelli di sicurezza, l’ip utilizzato nei collegamenti è un ip statico.

Per ulteriori chiarimenti è possibile compilare la scheda di richiesta informazioni (allegato 1) ed inviarla all’indirizzo mail upel@upel.va.it o chiamare la segreteria UPEL al n. 0332 287064.

Si precisa che UPEL riserva ai propri servizi agli associati e non svolge attività di consulenza ma di supporto formativo ai funzionari.